Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/458

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
452 ATTO TERZO

Lissandro. (Son intriga morto). (da sè) La senta... Sior Gasparo no ghe n’ha colpa... sta roba che ho lassà qua...

Tonina. Sento zente su per le scale. Oh poveretta mi, sior Raimondo e siora Cattina! (affannata)

Lissandro. (Diavolo! i scoverzirà tutto. Mi no gh’ho cuor de restar. Se podesse andar via!) (da sè) Tornerò, a bon reverirla. Me permettela che vaga via per de qua? (si mette il volto)

Tonina. Sì, sì, dove volè... come oggio da far a riceverli? (Lissandro parte per l’altra porta) Con che cuor oggio da scusar quel senza giudizio de mio mario? (va ad incontrarli)

SCENA III.
Raimondo, Cattina e Tonina, poi Riosa.

Tonina. Serva umilissima. Che grazie? Che favori xe questi?

Raimondo. Bondì la mia sgnora1 Tonina.

Cattina. Sì, sì, cara. Son in collera con ella, ma quel che sta ben.2

Tonina. No so cossa dir, la gh’ha rason...

Raimondo. Oh l’an ve la perdona più mi fiola. (ridendo)

Tonina. No so cossa dir; so che i gh’ha tanta bontà l’uno e l’altro che i me compatirà. Mio mario... mio mario... giera impegna da sior Bernardin. (con pena)

Raimondo. El so; i me l’an ditt.

Cattina. Ma perchè no vegnir ella almanco?

Tonina. Mi, fia mia, in verità no saveva gnente.

Cattina. Oh giusto! no la saveva gnente?

Tonina. No, da donna d’onor che no saveva gnente.

Raimondo. Oh i n’3 l’avrà volsuda avisar, per no disturbarla da i so interess. Ma disim un poc, la mi fiola: è ’l andà ben el negozj?

Tonina. Qual negozio?

  1. Nell’ed. Zatta qui è stampato signora, ma poi sempre sgnora.
  2. Quel ch’è giusto, ben bene.
  3. Nel testo dello Zatta è stampato: Oh in i n’l’avrà ecc.