Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/459

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Raimondo. Quel cha fatt voster mari in cà del sgnor C’ Bernardin.

Tonina. Cara ella, no la me fazza parlar...

Cattina. Oh via, che no i staga adesso a parlar de negozi.

Tonina. Vorla sentarse qua, vorla che andemo de là ?...

Cattina. Gnente ; mi no me son gnancora sfogada, e me veggio sfogar. La disc che la me voi tanto ben, e una zomada che avevimo da star insieme, la chiappa su e la n’ impianta ? ^^)

Tonina. Ghe assicuro, siora Cattina, che mi no ghe n’ ho colpa, e co mio mano m’ ha dito (^’ sta cossa, el mio viso xe deventà) una brasa de fogo. Anzi ghe dirò la verità. Mio mario voleva che vegnisse doman a domandarghe scusa, e in verità no sa- veva gnanca come far a vegnir.

Raimondo. Vi, se al sgnor Gaspar n’ a psu ("’) esser con nu sta mattina, generosamente al voi ch’ a cenamen in compagni stassira.

Tonina. Dove ? (con maraviglia)

Raimondo. Oh bella; in casa vostra, al n’ve l’ha ditt sior Gasper? ’^’

Tonina. No, in verità, noi m’ ha dito gnente.

Cattina. Gh’ala impegni ? Anderala via anca stassera ?

Tonina. No, cara siora Cattina, no la me mortifica d’avanzo ^^\ Ghe digo e ghe accerto che no podeva aver una consolazion più granda de questa. Dove l’ ala visto mio mario ?

Raimondo. An l’ ho minga vist, el m’ ha scritt un biglietL Oh el m’ ha fatt rider con ste bigliett. (lo tira fuori e legge) Ci sarà tutta la compagnia fuori del ridicolo sior Zanetto e della sguat- tera sua consorte. Sai iera (^’ quel matt, mi an ghe vegniva.)

Tonina. Oh per mi za, la poi dir quel che la voi, mi no so gnente, mi no conosso nissun; el fa le so cosse senza dirme gnente.

Cattina. (Per mi me basta che ghe sia Bortoletto). (da sè)

Raimondo. Me despias solament una cossa. (a Tonina)

Tonina. Gossa, sior Raimondo ? (1) Ed. Zatta : signor. (2) Prende su (opp. se la piglia) e ci pianta. (3) Quasi sempre è stampato dito (detto), secondo la pronuncia naturale veneziana. (4) Mi sono qui preso la licenza di correggere il testo dello Zatta dove è stampato : se el signor Gaspat n’ha più ecc. (5) Così l’ ed. Zatta. (6) Per di più. (7) Se c’era.