Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/473

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 467

Tonina. Sì ben, sappieme dir.

Cecilia. Oe, no ghe dè miga el tabarro e la bauta, vedè. (alla scena)

Lissandro. No la se indubita, che adesso no vago via gnanca se i me bastona. (in atto di partire)

Riosa. Oh el diga, faroggio anca mi una furlana? (a Lissandro)

Lissandro. Sì ben, la farè con mi. (a Riosa, e parte)

Riosa. Oh che caro matto ch’el xe! (parte)

Tonina. (Si alza, e corre da Gasparo) Che Voggia che ve xe vegnù de far sta chiassana1.

Gasparo. Senteve qua, che ve conterò. (piano)

Raimondo. (Vorrebbe levarsi.)

Tonina. No, no, che nol se incomoda. (a Rainìondo)

Gasparo. Qua, qua, ch’el senta anca elo. (sono tutti tre a sedere vicini, parlano piano, e ridono.)

Cecilia. E cussì, cossa penseu de far? (a Bortolo, che senta anca Cattina, ma sottovoce.)

Bortolo. Cossa me conseggieu?

Cecilia. Mi ve digo cussì, che se tiremo de longo, ghe va della vostra, e della mia reputazion.

Cattina. Voravela che andasse via? (a Cecilia, con passione)

Cecilia. No digo questo, ma qualcossa bisogna far: perchè no ghe parleu a sior Raimondo? (a Bortolo)

Bortolo. No so cossa far. Sia maledio coa ho finto da esser maridà.

Cecilia. Voleu che ghe parla mi?

Bortolo. Magari!

Cattina. Oh sì, cara ella.

Cecilia. Mo za bisognerà che m’espona mi.

Bortolo. Via, cossa voleu far? Per el vostro povero fradello.

Cecilia. Oh putti senza giudizio! (si alza) Ma mi son stada una matta. (da sè, camminando) Sior Raimondo.

Raimondo. Sgnorab.

  1. Co, quando.
  2. Sgnora, signora.
  1. Chiassata, festa o anche burla chiassosa.