Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/475

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 469

Lissandro. El xe el più caro matto de sto mondo.

Tonina. E la donna! (a Lissandro)

Lissandro. (Guarda intorno) Sì ben, no gh’è nè siora Cecilia, nè sior Raimondo, lo posso dir. El xe colla massera de siora Cecilia.

Tonina. Chi èlo sto pezzo de aseno? Xelo logo questo de menar massere? (si alza)

Lissandro. La se ferma. Chi fa la festa, no l’ha da saver. Co ela ha impresta el portego, no la xe più casa soa. Lucietta xe vestìa coi abiti de la patrona, e la passa per so muggier. (Gasparo freme, e si alza)

Tonina. Coss’è ste baronade? Me maraveggio de vu, sior.

Lissandro. Mo la se ferma; el xe un chiassetto1 de carneval.

Riosa. Chi gh’ha nome sior Bortolo?

Bortolo. Mi, fia. (alzandosi con affanno)

Riosa. Che la vegna in tinello, che i la domanda. (parte)

Bortolo. Vegno. (Vago a sentir la mia sentenza). (parte)

Cattina. (Poveretta mi! Me par che me vegna mal). (da sè, e beve qualche spirito)

Tonina. Cossa gh’ala? (a Cattino)

Cattina. Gnente, fazzo perchè no me vegna sonno.

Tonina. E cussì, sior, cossa me diseu de chiassetti? Coss’è sto finzerse mario e muggier? (a Lissandro)

Lissandro. (Guardandosi intorno) La xe una burla; giusto come quella de sior Bortolo e de siora Cecilia.

Tonina. Come! No i xe mario e muggier, sior Bortolo e siora Cecilia? (con maraviglia)

Lissandro. No la sa che i xe fradello e sorella?

Tonina. Mi! No v’arecordè cossa che i m’ha dito in portego, co i xe vegnui? (con caldo, fremendo)

Lissandro. No gh’ho miga bada, la veda.

Gasparo. (Ride, e passeggia.)

Cattina. (Oh poveretti nu, in che intrigo che semo!) (da sè)

  1. Un onesto passatempo chiassoso.