Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 1, 1910 - BEIC 1837632.djvu/200

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
194 memorie inutili

pedanteria, ond’ella venisse ad arrolarsi volentieri sotto il vessillo del gufo de’ due testicoli nel destro artiglio.

Ogni volta che l’accademia si radunava, il principe, col suo contegno sostenuto, colle sue strane dissertazioni, co’ suoi scorci arlecchineschi, colle sue non mai prevedute risposte alle interrogazioni che se gli facevano e con mille stoltezze ridicole, serviva d’introduzione e d’una breve ricreazione a’ sozi, i quali poscia, lasciando duro l’arcigranellone nella sua catedra di Pietro Bembo come ascoltatore e giudice delle cose, traevano da’ portafogli le loro composizioni in verso ed in prosa, serie e facete, sopra a’ vari temi dispensati o scelti dalle volontá, giudiziose, ragionate, leggiadre nelle frasi, armoniche nella eleganza, differenti nello stile e purgatissime sul fatto della lingua. Seguiva un’amena lettura che ricreava gli astanti per ben due ore. Ogni lettore, terminata di leggere l’opera sua, si volgeva all’arcigranellone, i di cui pareri bistorti e le di cui ragioni d’approvazione rinnovellavano l’allegro schiamazzo e le risa.

Quella serio-faceta accademia, l’istituto e la massima della quale era il tener fermo lo studio in sugli antichi maestri, ferma la semplicitá e l’armonia seduttrice dell’eloquenza sensata, e ferma scrupolosamente la puritá del nostro litterale linguaggio, aveva un grandissimo concorso di gioventú in emulazione, e non giugnevano a Venezia dotti forestieri che non cercassero d’essere in essa introdotti e non approvassero e non applaudissero la facezia che serviva d’allettamento e d’attrazione, il sapore, la eleganza, la cribrata nitidezza, le frasi e i termini scelti e propri alle composizioni che in essa udivano.

È superfluo ch’io registri il catalogo intero de’ nomi degl’infiniti sozi granelleschi; tuttavia noterò que’ pochi rimastimi nella memoria, e sono; i due fratelli Giuseppe e Daniele Farsetti, Sebastiano Grotta, Paolo Balbi, Nicolò Tron, tutti patrizi veneti eruditi ed amanti del purgato scrivere; l’abate Natale dalle Laste; il canonico... Rossi; l’abate Leonardo Marcellotto; l’abate Bartolomeo Piantoni; l’abate Carlo Testa; l’abate Giuseppe Cherubini; l’abate Giovan Antonio Deluca; l’abate... Belli; l’abate Francesco Pasinetti; l’abate Adamante Martinelli; l’abate Matteo Fieco;