Pagina:Grammatica filosofica della lingua italiana.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


teorica di ciascaiia' la coìrrispettiva progressione che hanno fallo nelle idee. DKLtiA PRCPOSIZlONK Di La prèpo8ÌBÌone di vièn dal latino de^e accenna stato di provenienaBa. Io immagino che in origioef quando si formò questa idea, si mettessero due corpi Ticiaitecoo cenni si m<^ strasse Tuno es^ser fatto deirallro^époit con parole dicesserò queOo di^ quéUOfCiciè questo esce di ìjuelh ; e quindi me-* qae Tidea di qualificazione, ceppa dtoro^ terfiph diptarmQ^ soppònendo.cfae quando una cosa esce d' ilu^ altra ^ tragga seco anche la slessa qualità^ onde, a qualificare un tK)we coq laltri», batf tò. poi irappor?i la [ireposiziiotke di* ì^w^fi^ 9 in origioev la. preposizione di fa segno di proieoienztf; U qoal ideai al presentequiisi smarrita^per foraa détruso che.per* de la traccia onde, deriran le idee; è i£ ad altro più non ser^ Te che a dinotare qualifioaaione ; quantunque & posse ti*^ conoscere che qualche volta ritorna ancoira alla priàiierà idea di provemensa* I. Bgli èra uomo ut fiera ^sta. B. J2. Era oeftis^ìho indizio jM fmturu morte^B. 3. Questa non è Iti pia if an^ dare ad Alagnà. B. . ' Da prima la qualificazione (&) ebbe luogo fra .oggetti seosibih'; per esempio, vaso di terra^ tassala di marmo poi per analogia! comprese anche gli atti della mieuté^ ìa modo che i nctadi ckonto, indizio^ e 9ia^ in questi esetopj, aono tutti e tre qualificati, non rispetto alla matèria* ma rispètto. alla proprietà della materia , la quale oSìre alla immaginazióne molto maggior canapo da spaziarsi; e perà troveremo assai ■ (t) Tonu a yedae la dedniaione d) questo Tocabolp a eattt jio3«