Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


miscellanea i 247 mativamente alla quistione; e riporta il giudizio espresso dal prof. Kampffmeyer in una recensione pubblicata del libretto dello Hartmann nelP«Oriente Moderno» (ago¬ sto 1928) che un breve soggiorno in Anatolia non può esse¬ re sufficiente per giudicare su quistioni così vive, ecc., e che troppe delle fonti delPHartmann sono di origine letteraria e le apparenze ingannano, in Oriente più che altrove, ecc. Il Guidi (almeno in questa nota) non conclude, ricordando , ! solo che può soccorrerci l’opinione degli orientali stessi (ma v non sono essi « apparenza » che inganna, presi uno per uno ecc.?), sebbene all’inizio abbia scritto che sarebbe utopisti¬ co pensare che PIslam possa mantenersi nel suo splendido isolamento e che nell’attesa maturino in esso nuovi formida¬ bili agenti religiosi e la forza insita nella concezione orienta¬ le della vita abbia ragione del materialismo occidentale e ri¬ conquisti il mondo. Mi pare che il problema sia molto più semplice di quanto lo si voglia fare apparire, per il fatto che implicitamente si considera il «cristianesimo» come ineren¬ te alla civiltà moderna, o almeno non si ha il coraggio di porre la quistione dei rapporti tra cristianesimo e civiltà moderna. Perché l’IsIam non potrebbe fare ciò che ha fatto il cristianesimo? Mi pare anzi che l’assenza di una massiccia organizzazione ecclesiastica del tipo cristiano-cattolico do- Vrebbe rendere più facile l'adattamento. Se si ammette che ìa~civiltà moderna | nella sua manifestazione industriale- 124 economico-politica finirà col trionfare in Oriente (e tutto prova che ciò avviene e che anzi queste discussioni sul¬ l’Islam avvengono perché c’è una crisi determinata appunto da questa diffusione di elementi modèrni) perché non biso¬ gna concludere che necessariamente l’IsIam si evolverà? Potrà rimanere tal quale? No: già non è più quello di prima della guerra. Potrà cadere d’un colpo? Assurdo. Potrà esse¬ re sostituito da una religione cristiana? Assurdo pensarlo per le grandi masse. Il Vaticano stesso si accorge come sia contradditorio voler introdurre il cristianesimo nei paesi orientali in cui viene introdotto il capitalismo: gli orientali ne vedono l’antagonismo che nei nostri paesi non si vede perché il cristianesimo si è adattato molecolarmente ed è di¬ ventato gesuitismo, cioè una grande ipocrisia sociale: da 1