Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/263

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


2 56 QUADERNO 2 (XXIV) fame». Il vecchio desistette dalla passeggiata e si ritirò. Il Bertucci Balbi-Valier in un sonetto intitolato I nobili veneti del 1797 non tradirono la Repubblica scrive: «No, no xe 133 vero, i nobili tradio - No ga | la patria nel novantasete»1 (ciò che significa quanto profonda fosse la convinzione e co¬ me si cercasse di combatterla). Ç ( 112). Letteratura popolare. Victor Hugo. A propo¬ sito di V. Hugo ricordare la sua dimestichezza con Luigi Fi¬ lippo e quindi il suo atteggiamento monarchico costituzio¬ nale nel 48. È interessante notare che, mentre scriveva i Mi¬ serabili, scriveva anche le note di Choses vues (pubblicate postume) e che le due scritture non sempre vanno d’accor¬ do. Vedere queste quistioni, perché di solito PHugo è con¬ siderato uomo d’un blocco solo, ecc. (Nella «Revue des Deux Mondes» del 28 o 29, più probabilmente del 29, ci deve essere un articolo su questo argomento) \ Nella «Lettura»0deT*r928 Pietre^Nurra pubblicaci diario inedito di un combattente delle cinque giornate di Milano, il mantovano Giovanni Romani, stabilitosi una prima vol¬ ta a Milano nel 1838 come cuoco alla Croce d’Oro in con¬ trada delle Asole, poi, dopo aver girato quasi tutta Italia, ri¬ tornato a Milano, alla vigilia delle cinque giornate, all’oste¬ ria del Porto di Mare in Santo Stefano. Il diario si compone di una specie di taccuino di 199 pagine numerate, delle qua¬ li 186 scritte con calligrafia grossolana, e dicitura scorret¬ tissima1. Mi pare molto interessante perché i popolani non sono soliti scrivere di questi diarii, tanto più 80 anni fa. Perciò è da studiare per il suo valore psicologico e storico: forse si trova nel Museo del Risorgimento a Milano: vedere nella «Lettura» se (sono) dati altri estremi bibliografici. §(114). Storia politica e storia militare. Nel «Marzoc¬ co» del 10 marzo 1929 è riassunto un articolo di Ezio Levi