Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ANEA I 263 grazione (nell’anteguerra lasciavano annualmente l’Europa circa 1 300 000 lavoratori, oggi emigrano solo 600-700 mi¬ la uomini); 6) la ricchezza distrutta dalla guerra in parte è stata capitalizzata e dà luogo ad interessi che per molto tem¬ po sono stati pagati con altro debito; 7) un indebitamento verso gli Stati Uniti d’America (per debiti politici e com¬ merciali) che se dovesse dar luogo a reali trasferimenti, met¬ terebbe in pericolo qualunque stabilità monetaria. Per l’Italia il Paratore nota questi elementi della sua si¬ tuazione post-bellica: 1 ) considerevole diminuzione del suo capitale umano; 2 ) debito di circa 100 miliardi di lire; 3 ) vo¬ lume dì debito fluttuante preoccupante; 4) bilancio statale dissestato; 5) ordinamento monetario sconvolto, espresso da una profonda riduzione e da una pericolosa instabilità del valore interno ed esterno della unità di denaro; 6) bi¬ lancia commerciale singolarmente passiva, aggravata da un completo disorientamento dei suoi rapporti commerciali con l’estero; 7) molti ordinamenti finanziari riguardanti la pubblica e privata economia logorati. § (123). La riforma fondiaria cecoslovacca, del padre Veriano Ovecka, nella «Civiltà Cattolica» del 16 febbraio e 16 marzo 1929 \ pubblicata in opuscolo separato poco do¬ po. È uno studio molto accurato e ben fatto dal punto di vi¬ sta degli interessi della Chiesa. La riforma è accettata, e giu¬ stificata come dovuta a forza maggiore. (In una ricerca ge¬ nerale sulla quistione agraria questo opuscolo sintetico è da rivedere per fare dei confronti con gli altri tipi di riforma agraria; rumena, per esempio, e trarne qualche indicazione generale metodica. Quistioni di programma). § ( 124). Giorgio Mortara, Natalità e urbanesimo in Ita¬ lia, «Nuova Antologia», 16 giugno -1° luglio 1929 \ Tratta le quistioni più strettamente statistiche, osservan¬ do una grande cautela nel dare giudizi, specialmente di por¬ tata più immediata. Il numero annuo dei nati vivi in Italia è andato aumentando, attraverso oscillazioni, nel primo