Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/294

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1930: (miscellanea) 287 mostrare che summum jus, summa injuria. Il Frank non è un giovane che voglia fare dei paradossi: ha cinquantanni ed è stata pubblicata una antologia di suoi racconti di storia tedesca per le scuole. Uomo di forti convinzioni. Combatte il diritto romano, la dura lex, e non già questa o quest’altra legge inumana e antiquata, ma la stessa nozione di norma giuridica, quella di una giustizia astratta che generalizza e codifica, definisce il delitto e pronunzia la sanzione Questo di Hans Frank non è un caso individuale: è il sin¬ tomo di uno stato d’animo. Un difensore dell’Occidente po¬ trebbe vedere in ciò la rivolta del « disordine tedesco » con¬ tro l’ordine latino, dell’anarchia sentimentale contro la re¬ gola deH'intelIigenza. Ma gli autori tedeschi l’intendono piuttosto come la restaurazione di un ordine naturale sulle rovine d’un ordine artificioso. Di nuovo l’esame personale si oppone al principio d’autorità, che viene attaccato in tut¬ te le sue forme: dogma religioso, potere monarchico, | inse- ^ gnamento ufficiale, stato militare, legame coniugale, presti¬ gio paterno, e soprattutto la giustizia che protegge queste istituzioni caduche, che non è che coercizione, compressio¬ ne, deformazione arbitraria della vita pubblica e della natu¬ ra umana. L’uomo è infelice e cattivo finché è incatenato dalla legge, dal costume, dalle idee ricevute. Bisogna libe¬ rarlo per salvarlo. La virtù creatrice della distruzione è di¬ ventata un articolo di fede. Stefan Zweig, H. Mann, Remarque, Glaeser, Leonhard Frank... 2) Leonhard Frank, La ragione: l’eroe assassina il suo ex¬ professore, perché questi gli aveva sfigurato l’anima: l’au¬ tore sostiene l’innocenza dell’uccisore. 3) Franz Werfel: in un romanzo sostiene che non l’as¬ sassino è colpevole, ma la vittima: non c’è in lui niente del Quincey: c’è un atto morale. Un padre, generale imperioso e brutale, spezza la vita del figlio facendone un soldato sen¬ za vocazione: non commette un delitto di lesa umanità? Deve essere immolato come due volte usurpatore: come ca¬ po e come padre. Nasce cosi il motivo del parricidio e la sua apologia, l’as¬ soluzione di Oreste, non in nome della pietà per la colpa tra- 1