Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/311

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


QUADERNO 3 (xx) (ed. Mondadori). La «Nuova Antologia» del i° settem¬ bre 1927 ne riproduce un capitolo: «Lo scoppio della guer¬ ra balcanica visto da Sofia », dove si leggono amenità di que¬ sto genere: «Non posso negare che la profonda convinzio¬ ne deirorientazione austriaca, sicura e permanente guida dello Zar dei Bulgari in tutta la sua politica estera, da me acquisita fin dagli ultimi mesi del 1911, non mi abbia im¬ pedito di vederci chiaro nella Lega balcanica e nella immi¬ nenza della guerra contro la Turchìa. A tanti anni di distan¬ za non so troppo ( ! ) rimproverarmelo perché se non vidi venire un fatto accessorio (?!) e per cosi dire (l) episodi¬ co ( ! ) della politica bulgara, ciò fu unicamente perché vede- 13 bis vo troppo chiara (e Io dice sul serio! ) la linea principale. Fu come chi dicesse un fenomeno di presbitismo politico, ed in politica il presbitismo è migliore della miopia, come que¬ sta è senza dubbio migliore di quella cecità assoluta di cui debbo dire a mio discarico ( ! ), fecero prova, in quella ed in tante susseguenti occasioni, molti miei colleghi» *. Il brano è interessante anche da altri punti di vista, oltre quello particolare del giudizio sulla diplomazia italiana. Il candore ameno porta il De Bosdari a dire manifestamente ciò che altri pensano per giustificare i propri errori e non di¬ cono apertamente in questa forma. Esiste una linea non for¬ mata di «fatti accessori» e di «episodi» come dice il De Bosdari? E comprendere una linea non significa riuscire a comprendere e quindi a prevedere e organizzare questa ca¬ tena di fatti accessori? Chi parla di linea in questo senso, in realtà intende dire una «categoria sociologica», un’«astra¬ zione». Qualche volta indovina? È vero, ma a questo proposito si potrebbe citare il pensiero di Guicciardini sul- Ì*« ostinazione» \ § {22). Lorianismo. In una nota dedicata ad Alberto Lumbroso ho scritto che questi non ha ereditato dal padre le qualità di studioso sobrio, preciso, disciplinato1. Giaco¬ mo Lumbroso morto nel 1927 (mi pare)2 fu uno storico del¬ l'età ellenistica, papirologo, lessicografo della grecità ales¬ sandrina. (Cfr l’articolo Giacomo Lumbroso di V. Scialoja,