Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/649

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


642 QUADERNO 5 (ix) come reazione alla nuova società economica, sebbene la do¬ manda di riformare la Chiesa sia progressiva; però è vero che essi indicano un maggior interesse del popolo verso le quistioni culturali e un maggior interesse verso il popolo da parte di grandi personalità religiose, cioè gli intellettuali più in vista dell*epoca: ma anche essi, in Italia almeno, sono o soffocati o addomesticati dalla Chiesa, mentre in altre parti d’Europa si mantengono come fermento per sboccare nella Riforma. Parlando delle tendenze culturali dopo il Mille non bisognerebbe dimenticare l'apporto arabo attraverso la Spagna: cfr gli articoli di Ezio Levi nel «Marzocco» o nel «Leonardo» 3; e, con gli arabi, gli ebrei spagnuoli). «Nelle scuole filosofiche e teologiche di Francia s'accendono fieri dibattiti, che fan segno del rinato spirito religioso e insieme delle cresciute esigenze della ragione». (Queste dispute non sono dovute alle dottrine averroiste che cercano di conqui¬ stare il mondo europeo, cioè alla pressione della cultura ara- 56 bis ba? ) « Scoppia la lotta per le investiture, | che, suscitata dal ridesto senso della romanità imperiale (cosa vuol dire? dal ridesto senso dello Stato che vuole assorbire in sé tutte le attività dei cittadini, come nelPImpero Romano?) e dalla coscienza di presenti interessi spirituali, politici, economici, sommuove tutto il mondo dei principi secolari ed ecclesia¬ stici e la massa anonima dei monaci, dei borghesi, dei con¬ tadini, degli artigiani». Eresie (ma soffocate col ferro e col fuoco), « La cavalleria, mentre sancisce e consacra nell'individuo il possesso di- virtù morali, alimenta un amore di cultura umana e pratica certa raffinatezza di costumi ». (Ma la caval¬ leria in che senso si può legare al Rinascimento dopo il Mil¬ le? Il Rossi non distingue Ì movimenti contraddittori, per¬ ché non tiene conto delle diverse forme di feudalismo e di autonomia locale entro la cornice del feudalismo. D’altron¬ de non si può non parlare della cavalleria come elemento del Rinascimento vero e proprio del 1500, sebbene l'Orlando furioso ne sia già un rimpianto in cui il sentimento di sim¬ patia si mescola a quello caricaturale ed ironico, e il Corte- giano ne sia la fase sufficientemente filistea, scolastica, pe¬ dantesca). Le Crociate, le guerre dei re cristiani contro i 1930-