Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/673

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


666 QUADERNO 5 (ix) per la comodità di tre giorni di riposo e di buon trattamento gratuito». NelFarticolo si dànno altri particolari su vari comuni del Lazio: la Lega di Perseveranza di Roma ha 8000 inscritti con 34 centri; nel Lazio sono 25 sezioni della Lega con 12 000 inscritti. (Comunione mensile, mentre la Chiesa si accontenta di una comunione all’anno ). L’Opera è diretta dai Gesuiti. (Si potrebbe fare un paragrafo della rubrica «Passato e Presente»). Le leghe di Perseveranza tendono a mantenere Ì risultati ottenuti nei ritiri e ad ampliarli nella massa. Esse creano una « opinione pubblica » attiva in favore della pratica reli¬ giosa, capovolgendo la situazione precedente, in cui l’opi¬ nione pubblica era negativa, o per lo meno passiva, o scet¬ tica e indifferente. § ( 134 ). Movimenti religiosi. È da vedere il movimen¬ to pancristiano e la sua organizzazione dipendente: «Al¬ leanza mondiale per promuovere l'amicizia internazionale per mezzo delle Chiese». Il movimento pancristiano è signi¬ ficativo per queste ragioni: 1) Perché le Chiese protestanti bis tendono non solo a unirsi | tra loro, ma ad acquistare, attra¬ verso l’unione, una forza di proselitismo; 2) delle Chiese protestanti solo quelle americane, e in minor grado, quelle inglesi, avevano una forza espansiva di proselitismo: que¬ sta forza passa al movimento pancristiano anche se esso è diretto da elementi europei continentali, specialmente nor¬ vegesi e tedeschi; 3) l’unionismo può arrestare la tendenza a scindersi sempre più delle Chiese protestanti; 4) gli orto¬ dossi partecipano, come centri dirigenti autocefali, al movi¬ mento pancristiano. La Chiesa Cattolica è molto turbata da questo movimen¬ to. La sua organizzazione massiccia e la sua centralizzazione e unicità di comando, la poneva in condizioni di vantaggio nell’opera lenta ma sicura di assorbimento di eretici e sci¬ smatici. L’unione pancristiana turba il monopolio e fa tro¬ vare Roma dinanzi a un fronte unico. D’altronde la Chiesa Romana non può accettare di entrare nel movimento come 19