Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, II.djvu/445

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


1120 QUADERNO 9 (xiv) Altro elemento da aggiungere al paragrafo sull’economismo è que¬ sto: come esemplificazione della cosi detta intransigenza, l’avversione [rigida] di principio al compromesso con la sua manifestazione subor¬ dinata della «paura dei pericoli». L’avversione al compromesso è strettamente legata all’economismo, in quanto la concezione su cui si basa questa avversione non può essere che un fatale verificarsi di certe situazioni favorevoli senza bisogno di « prepararle » con inizia¬ tive volontarie e predisposte secondo un piano; c’è inoltre l’elemento di affidarsi ciecamente e scriteriatamente alla virtù delle armi. Non si tiene conto del fattore tempo e non si tiene conto, in ultima analisi, della stessa «economia» nel senso che non si capisce come in certi momenti la spinta dovuta al fattore economico è rallentata o impa¬ stoiata da un elemento ideologico tradizionale, che c’è una lotta, nel¬ l’interno di certi blocchi sociali economico-politici, tra le esigenze del¬ la posizione economica di massa e la fortu|na politica dei dirigenti tra¬ dizionali, e che una iniziativa politica appropriata da parte di una for¬ za estranea al blocco è « necessaria » per liberare la spinta economica dalla pastoia politica e mutare la direzione tradizionale con una nuo¬ va direzione conforme al contenuto economico sviluppatosi in una fase più progressiva ecc. Due forze « simili » non possono fondersi in organismo nuovo che attraverso una serie di compromessi, oppure con la forza delle armi; alleandosi su un piano di eguaglianza o subor¬ dinando una forza all’altra con la coercizione. Se l’unità delle due forze è necessaria per vincere una terza forza, evidentemente il ricor¬ so alla coercizione (dato che se ne abbia la disponibilità) è una pura ipotesi metodologica e l’unica possibilità concreta è un compromesso. « Cfr Quaderno 13 (xxx), pp. 17 - 17 a. §( 41). Nozioni enciclopediche. «Paritario». Il significato di paritario è dei più interessanti e curiosi. Paritario significa che 1 000 000 ha gli stessi diritti di 10 000 ecc., talvolta che 1 ha gli stes¬ si diritti di 50 000. Cosa significa paritario nelle officine Schneider del Creusot? Cosa significa nel Consiglio nazionale per l’industria delle miniere di carbone, esistente in Inghilterra? Cosa significa nel Consiglio direttivo dell’U.I.L. di Ginevra? ecc. Cfr Quaderno 16 (xxn), p. 28. s § (42). I nipotini di padre Bresciani. Per quali forme di attività hanno «simpatia» i letterati italiani? Perché l’attività economica, il lavoro come produzione individuale e di gruppo non li interessa? Se nei libri si tratta di argomento economico, è il momento della « dire¬ zione », del « dominio », del « comando », di un « eroe » sui produtto¬ ri che li interessa. Oppure li interessa la generica produzione, il gene-