Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


L’interno della Terra 89 presumere che le lave, per quanto calde, possano con¬ servare delle grandi quantità di costituenti gazosi. Noi sappiamo che le lave esistenti portano alla superficie grandi quantità di gaz assorbiti ; e, sebbene il soggetto dell'assorbimento dei gaz da roccia fusa sia al pre¬ sente imperfettamente scrutato, non è impossibile di supporre che un gran globo fuso di roccia, che è per¬ venuta allo stato liquido da un previo grado, in cui le roccie erano tutte vaporizzate, potesse ancor rite¬ nere ampie quantità dei gaz atmosferici mentre esso era ancor liquido. Noi possiamo andare ancor più oltre e dire che una buona parte dell’atmosfera poteva restar racchiusa nella roccia solida, persino dopo che questa fosse di¬ venuta solida. Ammessa questa cosa, può esser ritenuto che du¬ rante il periodo della Terra liquefatta qualcuno dei gaz rimanesse nelle roccie, non pienamente separato da esse, e che vi fosse uno stato sconosciuto di equi¬ librio tra questi gaz e quelli dell’atmosfera esteriore. Quando le roccie fossero raffreddate sino alla solidità, avrebbe luogo un riassestamento di questo equilibrio. La formazione della crosta sarebbe seguita da un periodo di grande attività vulcanica. Quello poteva essere aspettato dietro il riassesta¬ mento dei gaz della litosfera (0 roccia fusa), dell’idro¬ sfera (0 gaz costitutivi dell’acqua), e dell’atmosfera. In simili circostanze l’era vulcanica primaria può supporsi abbia avuto una continuazione così lunga e così violenta che la primitiva crosta della Terra fosse profondamente sepolta sotto il materiale scagliato al- l’infuori dai grandi vulcani primitivi. Infatti essa di¬ venne sepolta così profondamente che essa non è mai più stata scoperta di poi. Colla stessa ipotesi noi possiamo supporre che la maggior parte di roccie sedimentarie sia sorta dal ma¬