Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


L’interno della Terra 103 liquefazione deile roccie. La pressione cagiona una differenza grandissima nell’altezza dei punti di fusione delle roccie suddette. Ad una temperatura di 8ooo° F. (4400° C.) e colle pressioni atmosferiche ordinarie alla superficie della Terra non vi è solido conosciuto che non fonderebbe e non si cambierebbe in gaz. Ma quando i corpi sono soggetti a pressioni grandissime, essi possono sostenere delle temperature molto più elevate che dianzi, prima di cambiarsi da un solido in un liquido, 0 da un liquido in un gaz. Un poco di riflessione basterà a dimostrare che questo deve accadere veramente cosi. Si può ritenere che tutte le sostanze possono tro¬ varsi in ciascuno dei tre stati : solido, liquido, gazoso. Per convenienza per temperatura dello zero (eccetto che nella scala termometrica di Fahrenheit) è gene¬ ralmente preso il punto a cui il ghiaccio solido co¬ mincia a fondersi in acqua liquida : ma questa è una costante affatto arbitraria. Lo zero assoluto, il più basso punto di temperatura che possa essere rag¬ giunto, è stato calcolato da Lord Kelvin a — 2730 C. sotto il punto di fusione del ghiaccio. Lo zero asso¬ luto è il punto a cui tutte le sostanze note sarebbero nello stato solido. Prendendo questo come un punto di partenza noi possiamo assegnare delle temperature positive ai punti di fusione ed ai punti di volatiliz¬ zazione di tutti i solidi, liquidi e gaz (1). 1(1) Giova ricordare il concetto scientifico, universalmente am¬ messo, dell’estrema discontinuità della materia. La materia di ogni atomo è. per la massima parte, ammassata verso il suo centro ; ma i centri degli atomi distano assai tra di loro, in virtù di una sfera di protezione, entro la quale la sostanza d’ogni atomo esercita un’enorme forza ripulsiva su quella d’un altro. La discontinuità della materia fa comprendere la possibilità dei moti oscillatori od orbitali, tanto dei sub-atomi, quanto degli atomi, quanto infine delle molecole. Col crescere dell’energia