Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


La forma della Terra solida 133 otterremo una superficie corrugata simile a quella della Fig. 14- Ma nemmeno adesso noi non siamo giunti al ter¬ mine delle condizioni nostre. Non solamente il nostro pianeta è rotante, non solamente la sua distribuzione di peso è scemata da un lato; ma esso non è una sfera. Esso ha la forma di uovo. Qual sorta di mo¬ dello ci darà adesso l’assestamento tra di loro delle elevazioni e delle depressioni ? Noi perveniamo ad un tipo più complicato di distribuzioni. Noi abbiamo da portare in conto, come per lo passato, che l’uovo è rotante e che quindi le parti più dense sen fuggi- Fig. 15. ranno dall’asse piuttosto che le parti più leggere ; e, come per il passato, noi dobbiamo considerare che il centro geometrico dell’uovo non è al suo centro di gravità. 1 modelli diventano quindi ancora ulterior¬ mente modificati. 11 modello a scacchiera, 0 simile a tegole, si suddivide non già in sei, ma in otto scom¬ partimenti. Il modello a zone si suddivide in settori ritti, in numero di sei invece di quattro. Effetti combinati di rotazione, diminuzione di peso da un lato e di deformazione. L’assestamento di regioni di elevazione e di depres¬ sione in tegole, per un uovo roteante, può essere rappresentato come nella Fig. 15.