Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


La forma della Terra solida 137 la reale figura della Terra alla profondità di 1400 tese (2562 m.). La rassomiglianza tra la figura reale e quella che la Terra dovrebbe assumere teoricamente è certamente molto appariscente. Riguardo ai contorni dei bacini dei grandi oceani la teoria viene confer¬ mata dai fatti. 11 Prof. Love preferisce di non deno¬ minare la Terra foggiata a pera, ma, d’accordo colla teoria che ci siamo sforzati di delucidare, di descrivere la Terra come « un elissoide approssimativo con tre assi disuguali, avente la sua superficie striata se¬ condo la formola di una certa armonica sferica di terzo grado». L’aspetto della teoria che è il più necessario di conservare in mente è che essa dimostra come le parti di una palla planetaria, che non è di forme re¬ golari ed il di cui peso è irregolarmente distribuito, possano essere armonicamente assestate. Questa teoria fornisce quindi, per quanto essa concorda con i fatti, una spiegazione semplice, nel campo dinamico, della distribuzione generale delle terre e dei mari. Ciò non è esatto. Per esempio, essa dovrebbe matematica- mente fornirci un’idea deli’ammontare della depres¬ sione e dell’elevazione in varie parti. Qui l’accordo della teoria con i fatti non è altrettanto perfetto. L’ele¬ vazione calcolata è troppo piccola nel Sud Africa e