Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lo sviluppo di un pianeta ne diverrebbe quello di una massa sferica convertita in altra che abbia forma di un uovo, coll’asse più lungo dell’uovo diretto verso l’origine dell’attrazione. Nebulose e loro classificazione. Prima di applicare queste considerazioni all’avvici¬ namento di stelle, l’una coll’altra, si manifesta la necessità di scrutare i cieli per vedere quale infor¬ mazione essi abbiano a fornirci circa la formazione di mondi progredienti. Non è possibile entro i limiti del¬ l’osservazione umana di aver giammai veduto un qualche fenomeno stellare che possa essere identificato positivamente come uno stadio nella formazione di un sistema solare. Ma tra i cento milioni di oggetti brillanti visibili nell’ universo, egli è probabile che tutti gli stadi preliminari siano rappresentati, ed egli è possibile che in qualcuno dei fenomeni dei quali siamo stati perio¬ dicamente testimoni tra quelli, la reale nascita di un sistema solare, che sta eventualmente per essere ri¬ solto in un sole ed in pianeti, possa essere stata com¬ presa. Nel cielo vi sono 500,000 nebulose visibili. Queste apparizioni brillanti, in molti casi di un’estensione infi¬ nitamente grande, sono tenute in conto, in assenza di qualche ipotesi migliore, di materia prima dei mondi. Esse sono di due sorta. Quando la luce proveniente da un qualche oggetto luminoso — come un attizza¬ toio portato al calor rosso, una fiamma di candela, la combustione del magnesio, il sole, una stella, una ne¬ bulosa — è fatta passare attraverso ad un prisma, la luce viene suddivisa e dispersa longitudinalmente. Se la sorgente di luce è un solido incandescente, come il sole, la luce venendo attraverso al prisma è dispersa in una striscia continua di arcobaleno. Essa forma uno spettro continuo. Tuttavia se la sorgente di luce è semplicemente un gaz brillante, allora la striscia d’arcobaleno sullo schermo è accresciuta da