Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


La formazione di sistemi solari 3 un’altra apparizione. Essa è quella di un certo numero di linee brillanti, le quali per le posizioni che esse occu¬ pano danno una informazione sicura circa alla natura ed ai costituenti del gaz. Questo spettro di linee bril¬ lanti è detto spettro discontinuo. Parecchie tra le nebulose del cielo, e qualcuna di quelle maggiori di tutte, danno all’osservazione nul- i’altro che questi spettri di linee brillanti. Le posizioni di queste linee brillanti significano apparentemente che i gaz incandescenti che le producono sono idrogeno, elio, ed un elemento sconosciuto sulla terra, e denomi¬ nato, per una ragione evidentissima, nebulio. Queste nebulose sono immense, ma senza forma; e, salvochè per i due elementi che noi abbiamo detto, appaiono avere poco di comune cogli elementi del nostro sistema solare. Sono questi i germi non fertilizzati di sistemi ancora non nati ? Egli è caratteristico del decadere di teorie, come le cognizioni progrediscono, che può esser data a quella quistione una risposta meno recisa di quella che sarebbe stata emessa senza esitazione da una generazione antecedente a questa, ossia mezzo secolo fa. La nebulosa immensa e senza forma aveva un posto distinto nella teoria nota ad ognuno come l’ipotesi ne¬ bulare di Laplace. Laplace ha fatto risalire l’origine del sistema solare alla nebula o nuvola di gaz rarefatti aggregati attorno ad una condensazione che doveva poi in definitiva for¬ mare il Sole. La difficoltà preliminare che i costituenti gazosi di tali nebulose primarie, quali son note alla nostra osservazione, sono in numero molto minore di quanto siano i costituenti riconosciuti del sistema solare, può essere sormontata collo stabilire come postulato un processo di evoluzione tra gli elementi stessi. Gli elementi sono stati raggruppati dai chimici in certi or¬ dini simili ai piuoli d’una scala. Quindi un gruppo di elementi può avere le stesse qualità generali, una certa