Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


i66 Lo sviluppo di un pianeta d’attrazione della Terra; il che deve a sua volta aver dipeso parzialmente da quali gaz esistessero nella grande nebulosa generatrice da cui la Terra trasse la prima origine. Presentemente vi è, con tutta evidenza, una grande quantità di idrogeno nel Sole : ma non ha mai potuto la Terra aver trattenuto quello così largamente in uno stato di libertà. Stanno racchiusi nei meteoriti e nelle roccie cristal¬ line, idrogeno, acido carbonico, ossido di carbonio, con piccole quantità di gaz delle paludi e di azoto. Noi possiamo quindi credere che questi fossero i gaz rinchiusi nelle roccie della Terra primitiva; e che l’idrogeno fosse combinato con alcuni di essi. Vi è un fondamento sperimentale per l’opinione che l’idrogeno abbia potuto congiungersi con qualcuno dei corpi composti di ossigeno, per formare con questo del vapore d’acqua. Quindi per i costituenti dell’at¬ mosfera la più primitiva noi potremmo aver avuto principalmente: vapor d’acqua, acido carbonico, ed azoto. Storia planetaria dei gaz. Questi gaz, prorompendo fuori e combinandosi con differenti composti, sarebbero presenti nell’atmosfera secondo la capacità deila Terra di conservarli accosto a sè ; e più sarebbero pesanti le molecole di un gaz e più sarebbe grande la quantità che di quel gaz riter¬ rebbe la Terra. Per tal modo noi dovremmo sospet¬ tare che il gaz acido carbonico fosse trattenuto prima dell’ossigeno, e da molto maggior tempo prima del¬ l’azoto, e tutti questi corpi un tempo notevole prima del vapore d’acqua. L’ammontare di azoto racchiuso nelle roccie e nei meteoriti è relativamente piccolo e non vi era forse gran che di esso nell’atmosfera pri¬ mitiva. Ma l’azoto è ciò che vien detto un gaz chi¬ micamente inerte. Esso non si combina prontamente.