Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


178 Lo sviluppo di un pianeta viventi, a cagione dell’azione dissolvente dei fiumi sulle roccie della Terra — la composizione dei mari è andata sempre mutando. La calce ed il potassio sono andati diminuendo; il sodio è andato aumentando. 11 magnesio pure è andato crescendo. Ipotesi di Quinton. Ma noi abbiamo altri mezzi di giungere alla com¬ posizione del mare primitivo; sebbene questa sia sol¬ tanto una cosa teorica. L’idea fu concepita indipen¬ dentemente l’uno dall’altro, dal Prof. A. B. Macalium, e da un fisiologo, uno degli assistenti al Collegio di Francia, R. Quinton (i). L’ipotesi di Quinton, come essa è talvolta denominata, suppone che nel sangue degli animali viventi noi abbiamo un’indicazione per ritrovare la temperatura e la composizione del mare primitivo. 1 più alti animali sono costrutti con grandi colonie di cellule viventi. Queste cellule sono colle¬ gate insieme in ogni sorta di modi complessi, e sono di molte sorta differenti. Vi sono i corpuscoli rossi dei sangue, ed i corpuscoli bianchi del sangue ; vi è la « materia morta » che le cellule viventi fabbricano 0 secernano, come la materia ossea, o le fibre dei muscoli : vi sono pure latte ed altre secrezioni che le cellule producono. In ultima analisi vi è il liquido vi¬ tale in cui queste cellule sono tutte immerse. 11 sangue, per esempio, se vien privato dei suoi corpu¬ scoli rossi e bianchi, è un liquido debolmente salato. 1 chimici lo denominerebbero una « soluzione fisiologica di sale ». Esso è il liquido che circola per ogni dove, il quale bagna tutte le cellule, e che sotto svariate forme, è necessario alla loro vita ed esistenza. Ora Quinton assevera che questo liquido vitale, il quale è paragonabile alle acque, in cui i più bassi (i) « L’Eau de Ater Organique », Atasson, Paris, 1904.