Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


238 Lo sviluppo di un pianeta teristico alla superficie della terra ferma, sono assenti... Nel mare i processi dominanti tendono ad un appiat¬ timento monotono ». Processi di formazione di strati. Nelle remote monotone profondità del mare va com¬ piendosi il lavoro di struttura del pianeta. Le argille, il limo a globigerine, il limo a diatomee, i depositi terrosi sono i primi passi nella vita di nuovi strati. I depositi del mare realmente profondo — tali come l’argilla rossa vulcanica — sembrano essere i soli a non trovare dei correlativi neila formazione di roccie delle terre scoperte. Degli altri depositi vanno mescolandosi con quelli. Murray ha stimato il volume del mare a pressoché 324.000.000 di miglia cubiche (1), ossia quin¬ dici volte il volume delle terre sporgenti al di sopra del livello del mare. In questo vasto volume di acqua vi sono delle accumulazioni di materie minerali e dei gaz, i quali sono, in quell’aggregato, di una entità immensa. Ogni 1000 parti di acqua del mare contiene più di quattordici parti in peso di materie minerali. II cloruro di sodio è di gran lunga il primo, ed in ciascun miglio cubico di acqua del mare ve ne sono più di 117.000.000 tonnellate (2). Una conseguenza aritmetica più appariscente dello stimare l’ammontare di materia minerale tenuta in soluzione dal mare, è quello che dimostra che se la materia minerale po¬ tesse venir convertita tutta in materia solida, essa coprirebbe il fondo dell’oceano per un’ altezza di 175 piedi (m. 53 circa), oppure tutte le terreferme del mondo con uno strato di circa 450 piedi di altezza (m. 135). D’altra parte se essa fosse concentrata tutta nelle acque dei bassi fondi attorno i margini delle (1) Cioè circa Km. cub. 1,300,000.000. (2) Cioè circa 30 milioni di tonnellate per ogni chilometro cubico.