Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/345

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


L’influenza della vita 321 Periodi di attività e di riposo. Tuttavia se la teoria di Lyell è soltanto parte della verità, e se il globo, senza essere oppresso da una catastrofe, è cionondimeno soggetto ad alcuni movi¬ menti della crosta così grandi come è di già stato indicato, se esso soffre alterazioni di clima quasi mon¬ diali, e se i periodi della sua attività geografica e del suo riposo sono differenti per durata ed hanno effetti differenti su tali processi, come abbassamento di strati 0 fabbricazione dei medesimi, in tal caso noi dovremmo aspettarci che i processi della vita 0 del suo sviluppo apportassero dei cambiamenti. Per esempio — seb¬ bene sia detto esservi parecchi seguaci di Darwin che non sono disposti ad ammettere queste speculazioni — in un periodo di attività geografica 0 geologica la tendenza da parte di qualche forma di vita di assu¬ mere una forma diversa doveva essere accelerata. In un periodo di riposo geografico la variazione do¬ veva aver luogo con una rapidità differente. Se, per esempio, qualche gruppo di organismi che hanno tra di loro relazioni molto strette, soggiornò per migliaia d'anni nello stesso ambiente, colla stessa nutrizione, colla medesima temperatura, le stesse necessità e gli stessi pericoli, esso non sarebbesi di molto, nè molto rapidamente, alterato. Se d’altra parte esso fece dimora in un periodo in cui il clima 0 la configurazione di terra e di mare 0 le direzioni delle correnti dell’oceano andassero alterando il di lui modo di vita, allora esso potrebbe essere costretto ad adattarsi prontamente alle nuove circostanze, od altrimenti perire. Quelli della sua razza che non perissero sarebbero quelli che avreb¬ bero alterate la costituzione e la struttura loro. Op¬ pure nuovamente, un organismo confinato entro limiti comparativamente stretti, come un lago od un’isola, potrebbe rimanere poco inalterato. Ma un organismo E. S. Grew mi