Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/349

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


L’influenza della vita 325 inorganico la materia è principalmente cristalloide, ed in quello organico essa è principalmente colloidale (1) — sebbene vi siano degli stati colloidali della materia anche nel mondo inorganico, e di quelli cristalloidi frammezzo i prodotti organici. Il dott. Smith Wood- ward ha paragonato i cambiamenti nella vita di una specie ai cambiamenti nello sviluppo di un cristallo. Egli immagina che il cristallo sia stato disturbato da alcune impurità durante lo sviluppo suo, per modo che esso sia divenuto foggiato con faccie disuguali oppure sia diventato magari anche un semplice am¬ massamento. Le forze inerenti nel cristallo sono an¬ date lottando, persino nel contrastante ambiente, per assestare le molecole di quello in una determinata forma geometrica. Nel caso di una catena di vita ciascun animale successivo è una massa di sostanza colloidale raggruppata attorno al suo germe colloidale di vita. Le forze inerenti nel germe di vita (0 plasma del germe) vanno sempre lottando, non già per di¬ sporre il corpo che si sviluppa attorno ad esso in faccie geometriche, ma in varie altre simmetrie. Quando l’estrema è stata raggiunta, ed è raggiunto cosi lo scopo della forza vitale, la specie riposa, ces¬ sano le sue attività, la razza muore. Quella è forse una fantasiosa illustrazione della vita della specie, ma risulterà evidente che, qualunque siano la sua veracità ed il valor suo, le osservazioni (1) Tra ì colloidi sono compresi tutti gli elementi plastici di animali o di piante — vale a dire, i vari composti di proteine. Tuttavia non v’è linea di confine fortemente incisa, che separi i colloidi dai cristalloidi. Sebbene delle moltitudini di corpi esistano, le quali possono essere collocate nell’una 0 nell’altra classe, pure moltitudini di altri possono essere trovate che ab¬ biano proprietà di un carattere intieramente intermedio. Si sup¬ pone che i colloidi siano generalmente caratterizzati dalla com¬ plessità di vasta misura delle molecole di cui essi sono composti.