Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/376

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


352 Lo sviluppo di un pianeta rata straordinaria ad invasioni o violazioni del mare, vale a dire a movimenti positivi interrotti da fasi ne¬ gative. « Verso la fine dell’epoca Siluriana la spiaggia si arretrò per tutta la regione situata tra l’illinois e l’Oceano Atlantico, altrettanto come nell’Inghilterra, nel Nord della Russia, e vicino al Baltico. L’antica Arenaria rossa, come un lago, si espande sovra l’in¬ tiera regione dell’Atlantico del Nord, l’Est del Ca- nadà, lo Spitzberg, la Scozia, l’Inghilterra e la Russia del Nord. « Allora il mare cominciò la sua avanzata, e verso la metà del periodo Devoniano le trasgressioni del mare furono trovate dalla Russia fin sopra la Livonia; fors’anche giunsero sul Canadà occidentale e sino all’Artico. « Esso retrocedette al principiare del Carbonifero ; esso s’avanzò di nuovo, altre oscillazioni seguirono finché i sedimenti marini del Permiano copersero parte dell’America del Nord e dell’Europa settentrionale, e posero termine ai movimenti Paleozoici. « 1 mari Mesozoici dell’Europa, sebbene talvolta essi recedessero, non mancarono mai di riguadagnare in influenza. Una grandissima parte di Europa fu per tal modo sommersa, la Scozia essendo pressoché sotto acqua. 1 mari Mesozoici arrivarono sino all’Abissinia. La sommersione continuò. Essa cominciò a scemare, ed il mare fu per un certo periodo lasciato solamente in possesso di posti come le Alpi, da cui esso si era avanzato. « A questo stadio l’epoca Cretacea ebbe principio ed il mare si avanzò ancora sino a che 'esso sommerse le antiche catene del Giura, e la totalità dell’Europa Centrale con i suoi grandi laghi d’acqua dolce furono di nuovo coperti dal mare. Le Russia era divenuta, colla precedente ritirata del mare, una terra asciutta,