Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/379

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO XVII. Sviluppo organico. Sviluppo di specie. - Successione di piante. - Lacune tra le memorie. - Connessioni genetiche. - Le piante fiorenti. Mentre egli è possibile di dire che date forme di vita erano presenti in numerosi esemplari, oppure che esse esibirono molte evidenze di sviluppo in epoche date della storia geologica del pianeta, non può essere inoltre asserito che questa o tal’altra specie fosse nata in una certa era, ed è diffìcilmente possibile di dire che qualche specie fosse principalmente caratteristica di un’epoca. Il più che possa essere avanzato si è che questo o quell’altro fossile fa la sua prima apparizione ad un qualche stadio ben definito ; e che poi ad un altro punto, sembra sia a quella prima succeduta un’altra forma qualche volta discendente direttamente da essa, e talvolta divergente. Per esempio i Trilobiti appaiono nel Cambriano e sembrano raggiungere il loro massimo sviluppo nel pe¬ riodo detto l’Ordoviciano, tra il Cambriano ed il Siluriano. Su quelle distese di terre che furono denu¬ date durante l’epoca Siluriana degli insetti hanno la¬ sciato il loro primo ricordo . (i) ; ed i mari Siluriani (i) « Che esistessero degli insetti veri è stato reso noto dalla scoperta di un’ala di Ortottero (Palasoblatlina) nell’arenaria del Siluriano inferiore, di Jacques Calvadas. (« Geol., Mag., » 1855, pag. 481). Essa misura circa 1 pollice e Vs (cm. 3,7) di lunghezza Un’ala di Emittero è di poi stata rinvenuta negli schisti del Graptolite inferiore di Svezia». (Geikie, « Text Bookof Geology » Voi. Il, pag. 943).