Pagina:Grew - Lo sviluppo di un pianeta, 1914.djvu/458

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


432 Lo sviluppo di un pianeta una volta ed un quarto di quella del pitecantropo di Giava od uomo di Trinil) essa rimaneva peraltro al di¬ sotto della capacità media del moderno europeo. La forma generale del cranio appariva esser quella di un tipo d’uomo assai inferiore al più basso tipo oggidì in esistenza sulla terra. Sin d’allora però si era riconosciuto che le sue ar¬ cate sopra orbitali erano meno sporgenti di quelle del¬ l’uomo di Neanderthal. Inoltre la mandibola, conside¬ randone il frammento in una data posizione rispetto al cranio, si avvicinava maggiormente a quella di Hei¬ delberg, sebbene da quella ancor differisse, e si rin¬ venivano in essa delle analogie con quella d’tm giovane scimpanzè. Per tutte queste circostanze quel tipo era diverso da quelli sinora conosciuti, e gli fu dato il nome di Eoanthropus Dawsonii. Ma ultimamente (Agosto 1913) giunse notizia della seconda fase degli studi, da noi dianzi accennata ; e cioè di una nuova, e, a quanto pare, più accurata ri- costruzione del cranio di Piltdown. Nell'eseguire una ricostruzione anatomica si devono seguire delle norme imprescindibili ; una sola di esse, ma importantissima, era stata, a quanto dicesi, tra¬ scurata nella prima ricostruzione. Essa consisteva nientemeno nel non aver collocato in posizione conve¬ nientemente eretta il frammento d'osso parietale : ne proveniva lo spostamento verso destra, per l’ammon¬ tare all’incirea di un pollice (cm. 2,5) del solco che dà ricetto al vaso sanguigno che corre lungo la volta del cranio, e che deve coincidere col piano verticale me¬ diano di questo. Rimettendo l’osso parietale in posi¬ zione più corretta, i risultati generali furono assai modificati. La capacità del cranio si trovò aumentata sino a centimetri cubi 1500 circa ; essa potrebbe cosi albergare un cervello di vaste proporzioni. La larga inserzione del muscolo temporale risultò simile a quella normale ; a tale sviluppo di quel mu¬ scolo corrispondono denti canini piccoli, e non già grossi, come prima erano stati supposti; e la mandi-