Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. II, 1929 – BEIC 1846262.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
252 storia d'italia

egli, quanto potesse, procurerebbe con l’autoritá e con la industria, se non per altro perché in Italia non si augumentasse piú la potenza de’ barbari, pericolosissima non meno alla sedia apostolica che agli altri. Sopra la quale dimanda facendosi nel senato viniziano varie consulte, e inclinando molti a consentire alle sue domande per l’utilitá che risulterebbe dal separarsi l’autoritá del pontefice dagli altri, molti per contrario affermando non si dovere comperare con tanta indegnitá quel che non basterebbe a liberargli dalla guerra, sarebbe1 finalmente prevaluta l’opinione di quegli che confortavano la piú sana e migliore sentenza, se Domenico Trivisano senatore di grande autoritá, e uno de’ procuratori del tempio ricchissimo di San Marco, onore nella republica veneta di maggiore stima che alcun altro dopo il doge, levatosi in piedi, non avesse consigliato il contrario: il quale, con molte ragioni e con efficacia grande di parlare, si ingegnò di persuadere essere cosa molto aliena dalla degnitá e dalla utilitá di quella chiarissima e amplissima republica restituire le terre dimandate dal pontefice, dalla cui congiunzione o alienazione cogli altri confederati poco si accrescerebbono o alleggierirebbeno i loro pericoli. Perché se bene, acciò che apparisse meno disonesta la causa loro, avessino nel convenire usato il nome del pontefice, si erano effettualmente convenuti senza lui, in modo che per questo non diventerebbono né piú lenti né piú freddi alle esecuzioni deliberate; e per contrario, non essere l’armi del pontefice di tale valore che e’ dovessino comprare con tanto prezzo il fermarle. Conciossiaché, se nel tempo medesimo fussino assaltati dagli altri, potersi con mediocre guardia difendere quelle cittá, le quali le genti della Chiesa (infamia della milizia, secondo il vulgatissimo proverbio) non erano per se medesime bastanti

  1. [Questa lezione, da «e inclinando» a «sarebbe» fu preferita dal Gherardi ad altra, pure dei codici, perché gli parve ad essa posteriore. L'altra, forse omessa di cancellare, cosí dice: «varie consulte, alcuni giudicavano dovere essere di grandissimo momento il separarsi dagli altri il pontefice, altri la riputavano cosa indegna né bastante a rimuovere la guerra. Sarebbe»].