Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. IV, 1929 – BEIC 1847812.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
134 storia d'italia

la notte medesima Francesco Guicciardini, il quale era andato da Milano per commissione del cardinale de’ Medici alla custodia di Parma, convocato la notte il popolo e confortatolo alla difensione di loro medesimi, e distribuite in loro mille picche, che due dí innanzi, sospettando de’ casi che potessino accadere, aveva fatto condurre da Reggio, attendeva sollecitamente a fare le provisioni necessarie per difendersi. Conoscendo molte difficoltá, per i pochi soldati che vi erano, non bastanti a sostenerla senza l’aiuto del popolo, nel quale, ne’ casi inopinati e pericolosi, non si può per la natura della moltitudine fare saldo fondamento, e considerando non potere proibirsi agli inimici l’entrata nel Codiponte, ritirò i soldati e tutti quegli della terra nell’altra parte della cittá; ma non senza grandissima difficoltá: perché, persuadendosi molti del popolo vanamente che la si potesse difendere, e parendo duro agli abitatori di quella parte abbandonare le case proprie, non si poteva, né con ragioni né con autoritá, disporgli se non quando si approssimorono gli inimici; i quali, per avere i parmigiani tardato troppo a volersi ritirare, mancò poco che insieme alla mescolata con loro non entrassino nell’altra parte della terra: dove erano molte difficoltá, e principalmente il mancamento de’ danari, in tempo molto importuno, perché era appunto il dí del pagare i fanti, i quali protestavano, se fra uno dí non erano pagati, di uscirsi della terra. Entrò il primo dí Federigo da Bozzole con tremila fanti e alcuni cavalli leggieri nel Codiponte abbandonato, sopragiunse il dí seguente Buonavalle con le lancie franzesi, e Marcantonio Colonna con dumila fanti de’ viniziani; non con altre artiglierie che con due sagri, perché le strade pessime che sono di quella stagione ne’ luoghi bassi e pieni di acque vicini al Po facevano impossibile, o almanco molto difficile, il condurre l’artiglierie grosse da battere la muraglia; e questo non senza perdita di tempo contraria alle speranze loro fondate in su la celeritá, perché tardando molto dubitavano, benché vanamente, che a Parma non fusse mandato soccorso o da Modena o da Piacenza. Nondimeno era entrato nel popolo opinione, per avvisi