Pagina:Guida al Lago d'Iseo.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

7

dok pelle biade. Nel 1841 aprì un Ospitale nel chiostro che fu di zoccolanti, Ospitale rinnovato nel 1884-85. Nel 1870 vi si costrusse la filanda a vapore Bonomelli, ora Negrinelli, con 65 bacinelle, e l’anno dopo vi sorse l’elegante filanda, pure a vapore, Guerini, con 62 bacinelle, e nel 1882 quella pure a vapore Formenti con 50 bacinelle. — Abitanti 2562.

Sul monte d’Iseo presso la Torre in fondo Prestini-Nulli è un castagno gigante, che ad un metro dal suolo misura metri 10,50 di circonferenza, e gli sta vicino altro castagno di metri 6,60. Presso la fonte alla pendice Colomber un gambo di vite rossera misura 74 centimetri di circonferenza.

L’albergo del Leone sul lago al porto del piroscafo, con terrazza, peschiera, vetture e battello, può confortare i viaggiatori.


Clusane. — Seguendo la sponda meridiana del lago a cinque chilometri da Iseo verso Sarnico, vedesi specchiarsi nelle acque Clusane con castello, ora palazzotto fortificato dal Carmagnola nel 1429, e dipinto esternamente un secolo dopo quando era dei Sala. Vi si vogliono vedere alla riva avanzi di costruzioni romane che sembrano bagni. Merita nota una Salutazione dipinta a fresco sulla porta d’ingresso della casa già Barboglio, ora Capuani al Zuccone nel principio del secolo XVI, ad imitazione del quadro del