Pagina:Guida d'Udine.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

D’UDINE 27

di Babele. Al paro però di questa, restossi anch’esso imperfetto, non già per miracolo, ma semplicemente per mancanza di denari. Quindi in modo sconcio, ed informe coperto venne, e vi si fece il sito pei sacri bronzi. È perduta ogni traccia del come esso andar dovesse a finire, secondo la idea primitiva. Il perchè innominati moderni architetti rassegnarono un respettivo lor piano per terminarlo1. Le campane furono fuse nel mille e cinquecento da Antonio di Salò, e da Girardo da Martini Lorenese2; ma quelle, che attualmente suonano, riconoscono a fonditori, giusta l’iscrizione che lor gira attorno, Pietro e Bernardino Franchi udinesi.

LA PURITÀ

II fonte battesimale del duomo sta nel vicino oratorio della Purità, eretta nuovamente, dove dianzi sorgeva un teatro3. II fonte suddetto è opera uni-

  1. Appeso ad una stanza municipale vedesi il campanile per intero disegnato, e appiedi vi e l’iscrizione seguente: Gio: Battista Calegari Luganese inventò e disegnò, anno 1792.
  2. Ex actis Civit. T. 9. pag. 38. 152.
  3. Sopra la porta vi ha l’iscrizione seguente:

    THEATRUM

    IN SCHOLAM PUELLIS

    DOCTRINA CHRISTIANA

    IMBUENDIS

    NOVISSIME MUTATUM

    AC PURITATI

    SANCTISSIMAE VIRGINIS

    MARIÆ

    DICATUM ANNO MDCCLVI.