Pagina:Guida della città e provincia di Bergamo.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

= 39 =

della Vergine del Morone sopra la porta principale d’ingresso, ed a due tavolette a destra ed a sinistra, forse del Bramantino. Nelle sacristie v’è poi una raccolta di dipinti, che meritano essere veduti dagli amatori.

S. Alessandro in Colonna.

L’altro Borgo principale, e che da sè formerebbe una piccola città di circa 12 mila abitanti, è il Borgo S. Leonardo. Nella Parrocchiale di S. Alessandro in Colonna trovansi parecchi dipinti del Cavagna, del Zucchi, del Talpino. L’ancona del Coro è la più colossale pittura, che abbia eseguito quest’ultimo. Vi hanno pure meritevoli dipinti nelle Sacristie.

Le vie che conducono all’antica città di Bergamo sono due: quella che da S. Alessandro segue per porta S. Giacomo; e l’altra, che da Pignolo conduce a Porta S. Agostino. Amendue sono piuttosto ripide, ma il forastiero può essere compensato della fatica dalla bella prospettiva, che gli si para d’innanzi.

Antica Città di Bergamo.

L’interno dell’antica città di Bergamo ha una bella piazza, già chiamata Piazza Vecchia, ora Garibaldi. A destra di chi vi giunge per via torre di Gombito si presenta il Palazzo Mu-