Pagina:Guida della città e provincia di Bergamo.djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

= 11 =

il Cherio e l’Oglio, che segna il confine colla Provincia bresciana.

I laghi principali sono il Sebino, o d’Iseo, grossa borgata sulla sponda sinistra bresciana, e quelli piccoli di Gajano e di Endine.

Le valli Bergamasche si distinguono coi nomi di Seriana, Brembana, di Scalve, Cavallina, Caleppio, Imagna, S. Martino.


Uomini illustri Bergamaschi.


Nelle scienze e nelle lettere fiorirono all’epoca romana: Pudente Gramatico maestro in Bergamo ai tempi di Augusto. Nel IX° secolo: Il cronista Andrea Prete. Nel XII° Mosè del Brolo poeta latino, che scrisse il poema: De laudibus Bergomi. Nel XIV° Guglielmo Longo Cardinale, gran Cancelliere alla corte di Carlo II° di SiciliaBartolomeo Ossa filosofo, cronista e storico — Castello Castelli cronista — Alberico da Rosciate famoso giurista. Nel XV° I Barzizza, Gasparino, Cunifonte, Cristoforo, Battista letterati e maestri di eloquenza. Nel XVI° Ambrogio Calepino, che col suo gran dizionario latino diede nome a tutti i lessici di quella lingua — Isotta Brembati, poetessa — Pietro Spino, biografo di Bartolomeo ColleoniGiampietro Maffei autore della storia della conqui-