Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

23


E come i padrini, in quell’epoca più che disgraziata, curiosa, non facevano difetto; così, ad ogni momento, anche per le strade di Parigi, si duellava di santa ragione.

Tra i più terribili e pericolosi sfaccendati a mezza paga di quel tempo, primeggiava il colonnello in riforma Barbier-Dufaï, terrore di tutte le mamme e di tutti i babbi, nonchè dei giovani ufficiali in attività di servizio.

Onde s’abbia un’idea del carattere strambo e pericoloso del colonnello Dufaï, eccovi una delle mille sue gesta.

Un giorno, più triste degli altri, il colonnello, accasciato dalla noia dell’ozio, se ne va a passeggiare in cerca di lavoro e prende di mira un bel giovanotto, ufficiale della Guardia reale.

Il colonnello lo avvicina e senza tanti complimenti gli posa la sua scarpa sul piede.

— Ma state dunque attento, signore! esclama tranquillamente il tenente Raoul, continuando la sua strada e chiacchierando con altri colleghi ed amici.

La condotta calma, dignitosa, corretta dell’ufficialetto non collimava proprio coi piani del colonnello Dufaï, che maggiormente irritato, rifà premuroso la strada per lavorare di gomito sul fianco di Raoul.

— Vi ho già pregato di prendere meglio le vostre misure nel camminare; osservò correttamente il giovanotto.

— Cammino a mio modo, io; nè mi preoccupo affatto delle persone che posso pestare, urtare, o spingere; replica risentitamente Dufaï, piantandosi di fronte al tenente Raoul.

— Ma non capisci, esclama uno dei compagni di Raoul, che il signore è alla ricerca di una questione e che ti ha scelto?...

— Buon Dio! Raoul rimanda. Io piombo qui dalla mia provincia e non sapevo che a Parigi, un uomo dell’età di quel signore potesse a sangue freddo insultare il primo venuto....

E il colonnello:

— Non si può essere più ingenui!... Ma non siete voi, bravo giovanotto, che ho voluto insultare, sibbene la coccarda che portate!...