Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78


Armand Carrel avanzò e sparò, dopo aver percorso i dieci passi.

Girardin che aveva fatto solo tre o quattro passi, aveva sparato nello stesso momento; sicchè, lo sparo fu simultaneo.

— Sono stato colpito alla coscia! gridò Girardin.

— Ed io all’inguine! replicò Carrel, ch’ebbe ancora la forza di sedersi in terra.

Accanto a lui, Persat piangeva come un bambino, e Carrel, dimenticando la propria ferita, lo consolava:

— Non vi disperate, amico mio, sarà nulla, o tutto! Comunque, poco male. Fatevi coraggio.

Allorchè, trasportato a braccia dagli amici, passò vicino a Girardin:

— Soffrite molto, Girardin? chiese.

— Vorrei che voi non soffriste più di me!

— Addio, signore, non ve ne serbo rancore.

Carrel conservò la fermezza del suo carattere in mezzo alle più crudeli sofferenze. Quando lo deposero sul suo letto esclamò:

— Il portabandiera del reggimento è sempre il più esposto. Ho fatto il mio dovere, avvenga che può!

Nelle ultime ore di esistenza sopravvenne il delirio1 e morì susurrando la parola: France....

La morte di Carrel fu lutto pubblico e mentre tutti i partiti si riunivano per piangere il disgraziato cittadino morto, gli odi di tutti i repubblicani si accumulavano sulla testa di Girardin, che ritirò la querela contro le Bon Sens, causa prima di tanti guai.

Da quel giorno Girardin non volle più battersi e cominciò col respingere la sfida del direttore del Bon Sens, de Feuillide2.

  1. Durante il delirio esclamava: M’hanno combattuto, m’han calunniato, m’hanno odiato.... Ma la Francia forse si ricorderà di me.
         E veramente se ne ricordò; perchè a Carrel, nel cimitero di Saint Mandé, per sottoscrizione pubblica, fu elevata una statua in bronzo.
  2. Eccone la dichiarazione:
         «I sigg. Martin Maillefer, redattore del Bon Sens, e Germain Sarrut