Pagina:I passaggi delle Alpi e la ferrovia del Brennero.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150

bogen tra Patsch e Matray. Da Steinach a Stafflach la valle sale con piccola acclività (il 14 per 1000). È a Stafllach che ha principio l’erta che conduce al punto culminante del passo con una pendenza media del 3 per 100 nella lunghezza misurata sulla postale di nove chilometri che in alcuni punti sorpassa fin l’otto pure per cento. La traccia della ferrata si appoggia appena fuori di Steinach alla falda orientale della valle e penetrando con una larga svolta nella valle di S. Jodocus trova di allungare il proprio sviluppo fino a dodici chilometri e di ridurre per conseguenza la propria acclività nei limiti moderati del 23 per mille.

Dalla cima del Brennero fino a Schöllemberg, la ferrovia segue la piccola pendenza della gola che ne forma il passo dove serpeggia impaludando l’Eisack ancor meschino torrentello, per oltre cinque chilometri. Quivi comincia la gran discesa fino a Gossensatz, discesa che sulla tratta di tre chilometri ed un quarto misurata lungo la postale tocca i m. 214 pari al 66 per mille. Era d’uopo trovar quivi un generoso mezzo di sviluppo, e fortunatamente lo presta la bella vallata dello Pflertsch che si apre opportunamente a levante con moderata pendenza e felice esposizione di cielo. Entro di essa serpeggiando la ferrovia per circa undici chilometri, riesce a raggiungere una pendenza media del 22 e del 19 per mille ed a superare così in modo soddisfacente anche questo terzo intoppo. Mi fu chiesto più volte perchè salire colla ferrovia sino alla vetta del colle e non isforarne la cresta con una galleria onde evitare qualche centinajo di metri di ascesa ed altrettanti di discesa? Ove si consideri che il laghetto del Sill già menzionato sta a soli 56 metri sotto il punto culminante e dista dallo stesso circa due chilometri e mezzo (m. 2420), che la galleria per sboccare a Pontigl sotto Schöllemberg sarebbe riescita lunga non meno di nove chilometri, stante l’accennata lunghezza del piano del culmine, e che si avrebbe avuto la conseguenza di un piccolo guadagno ottenuto con enormi sagrificj e forse per