Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/209

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 203 —

bia ai suoi piedi, con un guaito che chiedeva soccorso; infine diede ascolto ad un’onda che si avanzò fino a lui, la seguì, si lasciò portare, cominciò a nuotare finchè raggiunto il padroncino gli si aggrappò addosso e parve volesse baciarlo sul viso.

L’esempio del cane diede un po’ di coraggio al bagnante.

— Rosa, — ordinò alla serva come fossero nella loro cucina, — porta fuori questa bestia.

E le buttò addosso il cane per vendicarsi della beffa di lei, poi andò avanti sempre con grande prudenza.

A poco a poco la madre lo vedeva allontanarsi e affondare: ecco, l’acqua pare se lo divori; gli ha già mangiato le gambe, le ginocchia, le coscie: solo metà del corpo è ancora salvo.

— Bellia, Bellia, non andare più oltre.

La voce di lei si perde con quella delle altre donne che richiamano inutilmente i loro bambini. E adesso la serva, che deve stare sulla sabbia per trattenere il cane, si diverte a spaventarla.