Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 205 —

l’ospite; — bisognerebbe che si tuffasse tutto.

— Bellia, va sotto. Non prendere freddo. Dio mio, questo ragazzo oggi mi fa morire. (Il Dottore che gli ha ordinato i bagni vuole proprio la nostra rovina, ha ragione chi dice che è un’anima perversa.)

Mentre pensa così la disgraziata donna accenna a Bellia di tuffarsi; ed egli finalmente capisce, si piega dentro l’acqua, sparisce, ricompare, ma è livido in viso, col corpo tutto lucente e tremante.

— Per oggi basterebbe, — dice la madre. — Il Dottore ha ordinato di bagnarsi appena, il primo giorno.

— È troppo poco, — osserva l’ospite; — lascialo ancora.

— I tuoi ragazzi stanno molto in acqua?

— Dovresti domandarmi se stanno molto in terra. Non vedi che vengono fuori solo quando sentono fame?

Alquanto rassicurata, la madre si piega e siede sulla sabbia, accanto all’ospite: e Bellia pare capisca ch’ella gli accenni di piegarsi anche lui; infatti si tuffa di nuovo