Pagina:Il Marchese di Roccaverdina.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 167 ―


— Mi perdoni.... voscenza!... Me ne vado....

E don Silvio non potè proseguire, sopraffatto dalla tosse.

Vedendolo avviare verso l’uscio, il marchese lo fermò pel braccio:

— Perchè siete venuto?... Che volevate da me?... Perchè siete venuto?

— Pei poveretti, marchese! Non ho saputo esprimermi.

— Ci sono soltanto io a Ràbbato? Ho dato assai. Troppo! Troppo!... Sono già dissanguato.

— Si calmi!... Non ha obbligo....

— Eh?... Siete stato voi che avete detto al prevosto Montoro...?

Gli si era piantato davanti, ringhiando le parole, fissandolo negli occhi.

— Che cosa? — domandò timidamente don Silvio.

— Che cosa? Gli dava noia in casa quel Crocifisso al marchese!

— E ha potuto supporlo? Oh, voscenza! Io, anzi, ho lodato il bell’atto che toglieva quella sacra immagine da un posto non degno.

— Non degno?

— Certamente; il suo degno posto era l’altare.

— Perchè dunque or ora dicevate: Mi manda Gesù Cristo?.... Mi avete scambiato per una donnicciuola, mi avete scambiato?

— Ha ragione! Sono parole piene di superbia