Pagina:Il Marchese di Roccaverdina.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 61 ―


— Come a torto? Con tante prove? Che ne sapete voi?

— È il mio parere. I giurati non sono infallibili.

— Chi ha dunque ammazzato Rocco?

— Non lo ha ammazzato Neli Casaccio.

— Chi dunque? Ci vuole un bel coraggio a parlare così! Perchè non siete andato a dirlo al giudice istruttore quand’era tempo? Non vi rimorde la coscienza di aver lasciato condannare, secondo voi, un innocente? Ecco come siamo! — È il mio parere! — Ma il vostro parere non vale un fico contro la sentenza dei giurati! Il giudice istruttore è stato dunque un bestione? Il Presidente e i giudici della Corte di Assise sono stati pure bestioni? Chi è dunque l’assassino? Dov’è?

— Non vi scaldate troppo, marchese!

— Dite, dite: chi è stato l’assassino? Dov’è?

Il marchese, in piedi, pallido dalla collera, gesticolava, urlava, ripetendo:

— Chi è stato l’assassino? Dov’è?

— Può essere qui, tra noi, tra quella folla davanti la vetrata, e forse ride di me, di voi, dei giurati, dei giudici, della giustizia! E se dico una sciocchezza, lasciatemela dire! La parola è libera!

San Spiridione gli teneva testa imperterrito, mentre parecchi tentavano di condurlo via per por termine a quella scena sconveniente, e altri circondavano il marchese pregandolo di compatire un pre-