Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/343

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



XLI.


I versi che seguono furono probabilmente scritti alcuni giorni dopo Heidelberg perchè so di averli pensati alla finestra dell’albergo, appena sorta la luna; e ricordo ch’era oltre la mezzanotte. La luna si alzava a sinistra, rossastra e falcata, di là dal Reno, sopra Ingelheim; un obliquo raggio dorato tagliava le tenebre del fiume.

— Sai — dissi a Violet l’indomani mattina in presenza degli Steele — stanotte si è trovato il tesoro dei Nibelunghi.

Lo dissi con un tale accento di sincerità che la signora Steele si lasciò sfuggire un oh!

— L’ho trovato io — soggiunsi — Ed è tutto per miss Yves.