Pagina:Il diavolo.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Amori e figli del diavolo 213

campione di Satana, sarà ucciso da Cristo in persona, o dal principe delle milizie, celesti, lo strenuo e pugnace arcangelo Michele, e con lui sarà vinta e fiaccata per sempre la potestà dell’inferno. Allora le porte dell’abisso saranno, chiuse e suggellate per sempre: finirà il regno di Satana, ricomincerà per non più finire il regno di Dio.


Come gl’incubi potevano generare, così i succubi potevano concepire e partorire. In Inghilterra si credette un tempo, e i cronisti nol tacciono, che uno degli antenati di Goffredo Plantagenet avesse sposato un demonio e procreato con esso parecchi figliuoli. Di Balduino conte di Fiandra, ed eroe di un vecchio romanzo francese, si narra una storia consimile, ma più particolareggiata. Gonfio d’orgoglio, il conte sdegna di sposare la figliuola del re di Francia, e sposa una dama di grande bellezza e prestanza, ch’egli incontrò un giorno in un bosco, e che gli disse esser figliuola di un potentissimo re dell’Asia. Passato un anno, nascono due gemelle bellissime. Il conte aspetta notizie di quel reame d’O-