Pagina:Il diavolo.djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Potenza dei diavoli 83

dico. Altri diavoli si dilettavano più delle cose naturali, e questi aiutavano a cuocer filtri, a trasmutar metalli e a compier altre così fatte bisogne.


Chi dice scienza dice potenza, e però non deve far meraviglia che i diavoli potessero grandi cose. Certo, anche la loro potenza aveva dei limiti; ma dov’eran essi? difficile il dirlo con esattezza. Matteo chiama Satana uno spirito potente, e, in verità, non a torto. La sua potenza non è paragonabile alla onnipotenza di Dio, ma è pur grande e formidabile. Ribelle, è vinto, e la vittoria non gli sorriderà più mai; ma tuttochè vinto, risorge e si vendica. Egli penetra nella felice dimora dei primi parenti e v’introduce il peccato; turba l’armonia dell’opera divina e v’introduce la morte. Egli attossica il mondo e lo fa apostatare da Dio; egli diventa il signore e l’arbitro di questo mondo pervertito, princeps hujus sæculi. Si dice; è vero, che egli tanto solo può quanto Dio gli permette; ma bisogna riconoscere che molto Dio gli permette, e che quanto egli opera, opera in virtù di una forza che è