Pagina:Il piacere.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 295 ―

seguitò, quando tu eri innamorato della Landbrooke? Súbito, mi chiese le tue notizie prima delle mie....

― La rivedrò volentieri. Ma si veste ancora di verde e si mette sul cappello i girasoli?

― No, no. Ha abbandonato l’esteticismo per sempre, a quanto pare. S’è gettata alle piume. Domenica, portava un gran cappello alla Montpensier con una piuma favolosa.

― Quest’anno ― disse il Barbarisi ― abbiamo una straordinaria abbondanza di demi-mondaines. Ce ne sono tre o quattro a bastanza piacevoli. Giulia Arici ha un bellissimo corpo e le estremità discretamente signorili. È tornata anche la Silva, che jer l’altro il nostro amico Muséllaro conquistò con una pelle di pantera. È tornata Maria Fortuna, ma in rotta con Carlo de Souza che pel momento vien sostituito da Ruggero....

― La stagione è già dunque in fiore?

― Quest’anno, è precoce come non mai, per le peccatrici e per le impeccabili.

― Quali delle impeccabili sono già a Roma?

― Quasi tutte: la Moceto, la Viti, le due Daddi, la Micigliano, la Miano, la Massa d’Albe, la Lúcoli....

― La Lúcoli, l’ho veduta dianzi, dalla finestra. Guidava. Ho veduta anche tua cugina con la Viti.

― Mia cugina è qui fino a domani. Domani tornerà a Frascati. Mercoledì darà una festa in villa, una specie di garden-party, alla maniera della principessa di Sagan. Non è prescritto il costume rigoroso, ma tutte le dame porteranno cappelli Louis XV o Directoire. Andremo.