Pagina:Il tesoro.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 258 —


parole da dir allo zio; e non trovandole adatte, pensò di svignarsela, o di attender Salvatore sulla via.

Intanto, non vedendolo venir fuori si domandò perchè si tratteneva. Forse per Domenico convalescente? Curioso di sapere ciò che lo zio diceva al bimbo ed a Cicchedda, entrò senza far rumore; e passando di fianco nella porta per non spalancarla, sali la scaletta, trepidando per lo scricchiolìo delle scarpe, e riuscì a porsi non veduto in ascolto.

Cicchedda tuttavia si fè’ sulla porta, e guardando per le scale gridò:

— Chi è?

Nessuno rispose, ed essa rientrò e disse ridendo:

— Credevo fosse Alessio, perchè Alessio è in città, sapete, zio Salvatore?

— E cosa m’importa, sia in città, in campagna, o in casa del diavolo? — disse egli con voce rude. — Io son venuto per visitare te, non lui.

— Sedetevi dunque, zio Salvatore — fece ella con disinvoltura spingendo una sedia.

Ma egli camminava, muovendosi tutto, volgendo intorno, sotto, sopra, i suoi occhi rossi.

Domenico, in guarnellino bianco, seduto sul letto, giocando con un cavallino di latta, guardava ogni tanto lo zio, con grandi occhi meravigliati; e Cicchedda, non ostante la sua disin-