Pagina:Iliade (Monti).djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 iliade v.625

Pur della lega, di lontana al certo625
Parte mi mossi, dalla licia terra,
Dal vorticoso Xanto, ove la cara
Moglie ed un figlio pargoletto e molti
Lasciai di quegli averi a cui sospira
L’uomo mai sempre bisognoso. E pure630
Alleato, qual sono, i miei guerrieri
Esorto alla battaglia, ed io medesmo
Sto qui pronto a pugnar contra costui,
Benchè qui nulla io m’abbia che il nemico
Rapir mi possa, nè portarlo seco.635
E tu ozïoso ti ristai? nè almeno
Agli altri accenni di far fronte, e in salvo
Por le consorti? Guárdati, che presi,
Siccome in ragna che ogni cosa involve,
Non divenghiate del crudel nemico640
Cattura e preda, e ch’ei tra poco al suolo
La vostr’alma cittade non adegui.
A te tocca l’aver di ciò pensiero
E giorno e notte, a te dell’alleanza
I capitani supplicar, che fermi645
Resistano al lor posto, e far che niuna
Cagion più sorga di rampogne acerbe.
   D’Ettore al cor fu morso amaro il detto
Di Sarpedonte, sì che tosto a terra
Saltò dal cocchio in tutto punto, e l’asta650
Scotendo ad animar corse veloce
D’ogni parte i Troiani alla battaglia,
E destò mischia dolorosa. Allora
Voltâr la fronte i Teucri, e impetuosi
Fêrsi incontro agli Achei, che stretti insieme655
Gli aspettâr di piè fermo e senza tema.
   Come allor che di Zefiro lo spiro
Disperde per le sacre aie la pula,