Pagina:Iliade (Monti).djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
248 iliade v.353

Spedì loro Minerva un airone.
Nè già questi il vedean, chè agli occhi il vieta
La cieca notte, ma n’udían lo strido.355
Di quell’augurio l’Itacense allegro
A Minerva drizzò questa preghiera:
Odimi, o figlia dell’Egíoco Giove,
Che l’opre mie del tuo nume proteggi,
Nè t’è veruno de’ miei passi occulto.360
Or tu benigna più che prima, o Dea,
Dell’amor tuo m’affida, e ne concedi
Glorïoso ritorno e un forte fatto,
Tale che renda dolorosi i Teucri.
   Pregò secondo Dïomede, e disse:365
Di Giove invitta armipotente figlia,
Odi adesso me pur: fausta mi segui
Siccome allor che seguitasti a Tebe
Il mio divino genitor Tidéo,
De’ loricati Achivi ambasciadore370
Attendati d’Asopo alla riviera.
Di placido messaggio egli a’ Tebani
Fu portator; ma fieri fatti ei fece
Nel suo ritorno col favor tuo solo,
Chè nume amico gli venivi al fianco.375
E tu propizia a me pur vieni, o Dea,
E salvami. Sull’ara una giovenca
Ti ferirò d’un anno, ampia la fronte,
Ancor non doma, ancor del giogo intatta.
Questa darotti, e avrà dorato il corno.380
   Così pregaro, e gli esaudía la Diva.
Implorata di Giove la possente
Figlia Minerva, proseguîr la via
Quai due lïoni, per la notte oscura,
Per la strage, per l’armi e pe’ cadaveri385
Sparsi in morta di sangue atra laguna.