Pagina:Iliade (Monti).djvu/391

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58 iliade v.83

Né l’ire io deporrò, nè che veruno
Degli Dei qui l’argive armi soccorra
Sosterrò, se d’Achille in pria non veggo85
Adempirsi il desío. Così promisi,
E le promesse confermai col cenno
Del mio capo quel dì che i miei ginocchi
Teti abbracciando, d’onorar pregommi
Coll’eccidio de’ Greci il suo gran figlio.90
   Disse, e la Diva dalle bianche braccia
Obbedïente dall’idéa montagna
All’Olimpo salì. Colla prestezza
Con che vola il pensier del vïatore,
Che scorse molte terre le rïanda95
In suo secreto, e dice: Io quella riva,
Io quell’altra toccai: colla medesma
Rattezza allor la veneranda Giuno
Volò dall’Ida sull’eccelso Olimpo,
E sopravvenne agl’Immortali, accolti100
Nelle stanze di Giove. Alzârsi i numi
Tutti al vederla, e coll’ambrosie tazze
L’accolsero festosi. Ella, negletta
Ogni altra offerta, la man porse al nappo
Appresentato dalla bella Temi105
Che primiera a incontrar corse la Dea,
Così dicendo: Perchè riedi, o Giuno?
Tu ne sembri atterrita. Il tuo consorte
N’è forse la cagion? - Non dimandarlo,
Giuno rispose. Quell’altero e crudo110
Suo cor tu stessa già conosci, o Diva.
Presiedi ai nostri almi convivii, e tosto
Qui con tutti i Celesti udrai di Giove
Gli aspri comandi che per mio parere
De’ mortali fra poco e degli Dei115
Le liete mense cangeranno in lutto.