Pagina:Iliade (Romagnoli) II.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
136 ILIADE 619-648


con le sue mani, e ad Idomenèo la parola rivolse:
« Sferza i cavalli, adesso, finché non sii giunto alle navi:
vedi da te, che adesso non è degli Achei la vittoria! ».
Si disse. E Idomenèo sferzava i veloci cavalli
verso le concave navi: ché preso l’aveva il terrore.
Né il segno era di Giove sfuggito al magnanimo Aiace,
né a Menelao, quando il Nume concesse la gloria ai Troiani:
onde cosí parlò di Telàmone il figlio possente:
« Miseri noi, vedere potrebbe sinanche uno stolto
che il padre Giove adesso sostiene egli stesso i Troiani:
a segno 1 dardi loro van tutti, chiunque li scagli,
sia valoroso o da poco: ché Giove alla mira li guida;
ma dalle mani a noi, tutti irriti cadono al suolo.
Su via, dunque, noi stessi cerchiamo il partito migliore,
onde sottrarre il corpo si possa ai nemici, e tornare
noi stessi, e dar col nostro ritorno conforto agli amici
che son crucciati, qui vedendoci, e niuno ha speranza
che d’ Ettore omicida si sfugga alle mani, alla furia;
ma certo è che qui tutti morremo fra i negri navigli.
Deh!, se pur qualche amico recasse la nuova al Pelide,
prima ch’ei possa: ch’egli finora non sa, nulla intese,
della funesta nuova, che spento è il compagno suo caro.
Ma tra gli Achei non posso distinguer chi acconcio sarebbe,
perché son dalla nebbia nascosti essi stessi e i cavalli.
Deh!, Giove padre, sottrai dalla nebbia i figliuoli d’Acaia,
fa’ che il sereno torni, che possano gli occhi vedere:
se morti pur ci vuoi, fa’ che almen nella luce si muoia ».
Cosígemeva. Ed ebbe pietà del suo pianto il Cronide.
Sùbito sperse via la caligine, e scosse la nebbia;
e il sole scintillò, tutta quanta si vide la pugna.